mercoledì 13 novembre 2013

Il Metodo Globale è "sparito" dai quaderni..?

La letteratura scientifica più accreditata sconsiglia il METODO GLOBALE, essendo dimostrato che ritarda l’acquisizione di una adeguata fluenza e correttezza di lettura. Con questa frase, contenuta nelle Linee Guida per il diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disturbi specifici di apprendimento (allegate al decreto 5669 del 12 luglio 2011), il Ministero dell'Istruzione prende una chiara posizione in merito al metodo globale, seguito da molti docenti per favorire l'acquisizione della letto-scrittura in prima classe primaria.
Il metodo globale parte dalla frase completa per giungere poi all'analisi delle parole e infine delle singole lettere. Per capire se l'insegnante ha utilizzato tale metodo basta dare un'occhiata al "primo quadernone di prima primaria" e osservare se nelle prime pagine vengono fatte scrivere (copiare) al bambino frasi intere anzichè lettere e sillabe.
Per andare incontro al bisogno educativo speciale dell’alunno con DSA, le linee guida suggeriscono  il metodo fono-sillabico (e sillabico) che prevede l'analisi analitica dei suoni delle singole lettere per poi passare alle sillabe e infine alle parole. Il metodo fono-sillabico è utile per tutti i bambini, siano essi con o senza difficoltà poichè favorisce una graduale acquisizione delle competenze di letto-scrittura rispettando i processi di sviluppo cognitivo del bambino.
Molti insegnanti giustificano l'applicazione del metodo globale basandosi sui risultati che ottengono con tanti studenti. In realtà per uno studente senza difficoltà è indifferente il metodo utilizzato,  per quei bambini che faticano, invece, ciò non vale. Per un bambino con DSA l'utilizzo del metodo globale rende l'acquisizione della letto-scrittura più faticosa, per tale motivo è importante divulgare informazioni corrette, la scuola non deve essere "luogo di sofferenza"! Se conoscete qualche insegnante che applica ancora il metodo globale portatele una copia delle Linee Guida del Ministero!

2 commenti:

Giulia maestra ha detto...

Alcune colleghe lo utilizzano pur sapendo che le nuove linee guida lo sconsigliano.. I genitori si lamentano ma loro non cambiano idea..

Doriana Binotto ha detto...

Per i genitori: è sempre consigliabile rivolgersi al Dirigente Scolastico per segnalare il non rispetto delle Linee Guida del Ministero.
Per gli insegnanti: consiglio di proporre al proprio Dirigente Scolastico una formazione sui dsa che approfondisca la normativa.